Cronaca 14 Mar 2019 17:27 CET

Leonardo: Apa (Uilm), ‘troppa enfasi su conti, lavoratori partecipino a risultati’

Roma, 14 mar. (AdnKronos) – C’è “troppa enfasi sul rendiconto 2018” di Leonardo. Lo dichiara il segretario generale della Uilm di Genova Antonio Apa, commentando i risultati del gruppo. “L’ad di Leonardo ha sostenuto che il 2018 ‘ha rappresentato un importante passo in avanti nell’esecuzione del […]

Roma, 14 mar. (AdnKronos) – C’è “troppa enfasi sul rendiconto 2018” di Leonardo. Lo dichiara il segretario generale della Uilm di Genova Antonio Apa, commentando i risultati del gruppo. “L’ad di Leonardo ha sostenuto che il 2018 ‘ha rappresentato un importante passo in avanti nell’esecuzione del piano industriale. Abbiamo intrapreso le azioni necessarie e mantenuto le promesse’. Francamente – dice Apa – non mi pare proprio così. La società, nell’analizzare l’esercizio 2018, mantiene ancora un percorso di crescita di ricavi sfruttando l’ordinato preso nelle precedenti gestioni e beneficia della positiva crescita del settore elicotteristico che veniva però da una forte svalutazione (forse… era stata esagerata la svalutazione ed è per questo che i numeri ne beneficiano)”.
“Nonostante l’andamento il 2018, le stime per il 2019 dimostrano il fallimento delle ultime gestioni: i ricavi sono plafonati, si è interrotta la crescita perché l’ordinato non è stato acquisito, gli ordini continuano a scendere. Le performance gestionali sui ricavi piatti mostrano un risultato operativo in affanno. A mio avviso la sintesi è che la cassa si riduce e questa riduzione implica che gli investimenti in ricerca saranno minori. Con minori investimenti in ricerca la competitività sarà ridotta portando il gruppo sempre in un circolo vizioso con meno ordini e meno incassi”.
” E’ inutile enfatizzare ricavi intorno a 12,4 miliardi anche perché per Leonardo la questione più impellente è quella di evitare la marginalizzazione, l’isolamento e il nanismo. La stessa non ha fatto nessuna alleanza strategica né tanto meno si è inserita in un processo di network. Una cosa ricavo in positivo da questa enfasi, dato che l’ad darà un dividendo e poiché noi abbiamo presentato una piattaforma di secondo livello, lo stesso – afferma il sindacalista – deve aprire i cordoni della borsa per remunerare i lavoratori che hanno concorso a questi risultati così enfatizzati”.