Salute 17 Dec 2018 10:40 CET

Quinoa: una pianta un tempo dimenticata, oggi alla ribalta

(Milano, 17 dicembre 2018) – Milano, 17 Dicembre 2018 – La quinoa è una coltura locale originaria del Sud America, più precisamente della zona compresa tra Bolivia, Perù, Ecuador e Colombia. Fino a trent’anni fa era quasi totalmente oscura al mondo occidentale, in seguito è stata riportata […]

(Milano, 17 dicembre 2018) – Milano, 17 Dicembre 2018 – La quinoa è una coltura locale originaria del Sud America, più precisamente della zona compresa tra Bolivia, Perù, Ecuador e Colombia. Fino a trent’anni fa era quasi totalmente oscura al mondo occidentale, in seguito è stata riportata con successo all’attenzione dei grandi mercati per le sue innumerevoli proprietà benefiche e i vantaggi che offre al benessere del nostro organismo. Ma in che modo la nostra salute può trarre giovamento dal consumo di questo vegetale?
Prima di approfondirlo insieme, sfatiamo un mito molto diffuso: di solito la quinoa viene associata – se non addirittura scambiata! – con i cereali, ma in realtà è una pianta erbacea annuale che fa parte a pieno titolo della famiglia delle Chenopodiaceae, quella a cui appartengono anche gli spinaci e le barbabietole. A confermarcelo è proprio il suo nome scientifico: Chenopodium quinoa.
Se, come è molto probabile, vi è già capitato di vederla tra gli scaffali dei supermercati bio o come ingrediente di piatti gourmet di ristoranti alla moda, ve la ricorderete sicuramente sotto forma di tanti piccoli semi, simili al miglio. È priva di glutine, ma ricca di fosforo, potassio e magnesio.
Ed ecco che abbiamo già iniziato a introdurre più di un aspetto positivo, eppure siamo soltanto all’inizio di quella che diventerà una lunga carrellata di benefici.
Il lungo elenco che ci attende trae origine dalla presenza, all’interno della quinoa, di due sostanze specifiche, ovvero due aminoacidi: la lisina e la metonina, le principali responsabili della sua azione completa e salutare. Essi sono in grado di dare un contributo decisivo nel favorire il regolare funzionamento dell’intestino, la riduzione dei livelli di colesterolo, oltre a proteggere con estrema efficacia il sistema cardiovascolare e a portare avanti una dura lotta contro i dannosissimi radicali liberi, grazie al potere antiossidante che caratterizza il vegetale.
Inoltre, altro dato da non sottovalutare è il basso indice glicemico che rende la quinoa un alimento ottimo per chi soffre di diabete e ha quindi la necessità di tenere sempre sotto controllo gli zuccheri all’interno del sangue. Anche chi è allergico al nichel può stare tranquillo nell’assunzione di quinoa: insieme all’amaranto, è consigliata a chi vuole seguire una dieta ad azione disintossicante per tutto l’organismo.
La parola quinoa è anche sinonimo di pelle sana come riportato dal sito web inran.it che sottolinea il suo potere riparatore dell’epidermide danneggiata grazie agli alti livelli di vitamina E che contiene. Agisce sulla melanina, disciplinandola e riducendo drasticamente la comparsa delle antiestetiche macchie scure, mentre il suo sostanzioso apporto di vitamina b3 è un forte alleato contro l’acne.
Sono sicuro che, arrivato a questo punto della lettura, non vedi l’ora di provare la quinoa per testare i suoi effetti positivi anche su di te e sul tuo benessere fisico. Prima di usufruire in prima persona di queste proprietà, è bene fare le giuste raccomandazioni sulle modalità di consumo della quinoa.
All’inizio, potrebbe presentarsi l’eventualità di imbattersi in un sapore leggermente amaro per via delle saponine, delle sostanze presenti sulla superficie del vegetale per allontanare gli uccelli. Evitarlo è molto più semplice di quanto credi: la quinoa va risciacquata in accuratamente prima di metterla in pentola. E già che ci siamo, è utile qualche dritta pure sulla cottura che deve rispettare i tempi riportati sulla confezione.
Ti consiglio inoltre di comprare quinoa proveniente da agricoltura sostenibile e di tipo biologico, sia per consumare un prodotto di qualità superiore, sia per avere qualche garanzia in più riguardo le condizioni di lavoro di chi la coltiva. Nel caso di questo alimento, la presenza di circuiti virtuosi legati al commercio equo e solidale mostra una certa attenzione per l’ambiente, preservandolo da coltivazioni intensive dannose per il largo impiego di pesticidi ed erbicidi.
La quinoa può arricchire la tua alimentazione quotidiana non solo apportando benefici alla tua salute, ma migliorando la tua dieta e rendendola più varia. La sua grande versatilità la rende valida alternativa al riso, al cous cous e a qualsiasi tipo di cereale, oltre che alimento particolarmente adatto a chi ha scelto un regime alimentare vegetariano. Un prodotto capace di donare benessere a tutti, senza mai tralasciare le esigenze e le necessità specifiche dettate dalle particolarità di ognuno di noi.
Approfondimenti: https://www.inran.it/quinoa/2477/

Infografica: https://www.inran.it/quinoa/2477/#Infografica

Comunicato a cura di: Img Solutions srl Sito di riferimento: https://www.inran.it