Politica 6 Sep 2018 11:23 CEST

Fi- Lega, le priorità del Cav

L’ANALISI

Se c’è una cosa che Silvio Berlusconi deve assolutamente evitare è consegnare Matteo Salvini all’abbraccio strutturale, peggio ancora se di legislatura, con i Cinquestelle di Beppe Grillo e Luigi Di Maio. Sia chiaro: Forza Italia è quello che è, e nessuna ristrutturazione interna, restyling sul logo o casting del gruppo dirigente potrà riportarla ai fasti di un tempo. Ci sono cicli politici che iniziano e poi si concludono, e il partito berlusconiano non fa eccezione. Ma restare agganciati alla Lega è ossigeno fondamentale: una questione di sopravvivenza.

Tuttavia quel che FI ha sedimentato nel Paese, l’aggancio a valori e tematiche strutturali e fortemente incistate sul corpaccione italiano e la fascinazione personale del Cav che ancora balugina qua e là, costituiscono un patrimonio politico che sarebbe autolesionistico svendere. Per cui è fondamentale non rompere i rapporti con l’alleato in tumultuosa crescita, nella convinzione che prima o poi la competizione con l’M5S porterà ad un divorzio nella maggioranza e nel governo.

A quel punto il campo del centrodestra, seppur in forme completamente diverse e rovesciate rispetto al passato, può tornare ad essere il contenitore adeguato e presimibilmente vincente. Il contrario sarebbe esiziale: se infatti Salvini e Di Maio marciassero appaiati per anni fino a sfumare confini e differenze e diventare un unico cartello elettorale, il risultato praticamente certo è che non ce ne sarebbe più per nessuno.

Del resto Berlusconi sa di poter contare su un atteggiamento conforme da parte del ministro dell’Interno. Il quale, strumementalmente, tiene i piedi in due scarpe: governa con il Mo-Vimento e stringe alleanze – e magari questo comincia a diventare un tasto dolente – a livello amministrativo con i forzisti. E’ Salvini che sussurra all’orecchio del Cav che la sua marcia appaiata con Di Maio è solo temporanea. Lo fa per un tornaconto immediato. E anche per non bruciarsi i vascelli alle spalle.

Sia come sia, Silvio non può permettersi di perdere contatti con la Lega. E infatti non è certo un caso se in un mese di assoluto silenzio l’unica dichiarazione fatta da Berlusconi è stata di appoggio al vicepremier nel momento in cui è finito nel mirino della magistratura per il caso della nave Diciotti. Ovviamente tutto questo testimonia al massimo un bordeggiamento: non certo una linea politica. Della quale, peraltro, il Signore di Arcore ha sempre mostrato di non avere bisogno: c’è già lui, il resto è silenzio.

E’ anche per questo che i boatos per un possibile rilancio del partito unico del centrodestra sono come i pronostici a inizio campionato: obbligatori ma troppo spesso sballati. Juventus a parte, ovviamente.

L’idea di un predellino alla rovescia in cui Salvini si annette quel che rimane di Forza Italia, espellendo tutto o quasi l’attuale quadro di comando, è di quelle fatte apposta per suscitare l’irritazione dei berluscones. E il fatto che magari, oltre quello di via Bellerio, sotto sotto ci sia anche lo zampino di Berlusconi nel propalarla testimonia in gran parte della volontà del Cav di tenere sul chi va là i suoi. Del resto i precedenti, vedi Pdl con Fini, non sono incoraggianti: non è affatto detto che riproporre l’esperimento con rapporti di forza invertiti sia garanzia di successo.

E dunque, sfrondato sia l’insistito silenzio del Cav sia il gossip su mosse e contromosse, cosa rimane? L’aggancio necessitato detto sopra, di cui i prossimi appuntamenti amministrativi rappresentano l’essenza. La Lega prova a correre da sola nelle Regioni ma è una corsa perdente. Agganciata a FI, invece, può vincere: voi al posto di Salvini cosa scegliereste? Per pasticciare con gli amalgama c’è tempo. In fondo si può sempre ricorrere al vecchio schema federativo che mette tutti ( o quasi..) tranquilli. Qui il riferimento magari è alla CdL, che non era quello schema ma ci assomigliava, e tutto sommato così male non andò.

Se si fa una “Federazione leghista delle Libertà” con Berlusconi presidente e Salvini segretario ma a palazzo Chigi, con un po’ di ceto politico geograficamente ed equamente ripartito, beh per Matteo può essere più allettante che battagliare con Roberto Fico o ingoiare il decreto dignità. La poltrona di premier non è poi così scomoda. Berlusconi lo sa. Salvini non vede l’ora di impararlo: meglio se per esperienza diretta, of course.

 

Notizie correlate